Proteine del siero del latte isolate e concentrate

Proteine del siero
Le proteine del siero del latte, sono uno degli integratori più conosciuti, più utilizzati e più efficaci. Provengono dalla lavorazione del latte e fino a non troppi anni fa, quando si produceva il formaggio, il siero risultante, poiché non considerato importante, veniva utilizzato per fare ricotte o per igienizzare i macchinari caseari.
Da quando il settore degli integratori ha scoperto le grandi caratteristiche positive del siero, ha cominciato a preparare i prodotti che conosciamo, conferendo nuova vita al siero. Le proteine del siero hanno infatti tantissime proprietà delle quali gli sportivi di tutto il mondo, specialmente i bodybuilder, possono usufruire. Ma le proteine del siero non sono tutte uguali: si differenziano a seconda della lavorazione che subiscono. Si suddividono prevalentemente in due categorie: isolati e concentrati. Analizziamone le principali caratteristiche.

Isolati delle proteine del siero o WPI (Whey Protein Isolated)

– Hanno un contenuto proteico del 90%
– Non contengono grassi
– Non contengono lattosio
Le sieroproteine del latte sono caratterizzate da un elevato valore biologico, forniscono un mix di aminoacidi completo e consentono una rapida assimilazione. Quindi abbiamo il massimo contenuto proteico per porzione, sono meno caloriche e sono utilizzabili anche da chi è intollerante al lattosio. Non è poco.

Concentrati delle proteine del siero o WPC (Whey Protein Concentrated)

– Hanno un contenuto proteico di circa l’80%
– Rispetto agli isolati, hanno degli importanti livelli di fosfolipidi, come CLA e PS (fosfatidilserina) dalle importanti implicazioni positive sulla salute.
– Sono una fonte proteica più economica rispetto agli isolati
Si tratta di proteine con un più elevato contenuto di grassi, quindi sono più caloriche rispetto agli isolati, contengono lattosio, cosa che le rende non adatte a tutti.
Tirando le somme, non esiste una proteina del siero migliore dell’altra. Esiste solo una proteina più adatta al singolo, rispetto all’altra, proprio in base alle esigenze e alle caratteristiche specifiche di ognuno.
Precedente Polpacci: come allenarli efficacemente Successivo Gruppi muscolari: come suddividere l'allenamento

Lascia un commento

*