Alimentarsi in vacanza – 3^ parte – Frutta

Frutta estivaIn Italia abbiamo la fortuna e la capacità di avere tanti tipi di frutta diversi. Ogni frutto ha delle caratteristiche proprie, per esempio le prugne sono note per i benefici intestinali che apportano alle persone che soffrono di stipsi. Caratteristiche comuni sono il contenuto di acqua, fibre, vitamine e minerali. Apporto di grassi pari a zero, salvo frutti esotici come cocco e avocado. Lo zucchero prevalentemente contenuto è il fruttosio, ma se non si mangiano quantità enormi di frutta, non crea particolari problemi di linea. Ottima ai pasti, possibilmente prima e non dopo, e negli spuntini. Sazia, nutre, evita che si ricorra a spuntini pieni di grassi e calorie. In un periodo in cui spesso ci si alimenta con cibi spazzatura, la frutta, per contro, è uno degli alimenti che quotidianamente dovrebbero far parte dell’alimentazione umana, anche in più porzioni.

La frutta estiva

Ogni stagione ha le proprie qualità di frutta. D’estate imperano soprattutto albicocche, pesche, prugne, meloni e angurie. Inoltre possiamo approvvigionarci di frutti esotici, in particolare delle ormai consuete banane, di cui possiamo alimentarci tutto l’anno.Le albicocche, per esempio, sono ricche di acqua (86%), zuccheri (solo il 6,5%), fibre (1,5%), minerali (potassio, 320 mg, seguito da calcio, fosforo, sodio e ferro) e vitamine, in particolare carotenoidi (vitamina A) e vitamina C. Le calorie per un etto di polpa sono pari a 28. Come tutti i frutti, tra le varie proprietà, ha una funzione antiossidante, contro l’azione dei radicali liberi. Possiamo dire che la frutta abbia un’azione anti-age.
Le pesche hanno caratteristiche molto simili alle albicocche. Le specie principali sono le pesche gialle, quelle bianche e le pesche noci o nettarine. Anche le pesche sono ipocaloriche. Cento grammi di parte edibile contengono circa 89 grammi d’acqua, 1 grammo di fibre, 10 grammi di zucchero, per un totale di circa 30 kcal. Inoltre contengono minerali (potassio 190 mg, fosforo 20 mg, magnesio e calcio). Tra le vitamine, la principale è la C, poi le vitamine B1, B2, B3, B5, B6 e A.

Inoltre, in questo periodo possiamo trovare anche: angurie, meloni, percocche, arance, le ultime fragole, la prima uva. La frutta si può consumare anche lavorata, come succhi, spremute, marmellate, frutta disidratata ecc. Il modo migliore per ottenerne appieno i nutrienti è però consumarla intera e fresca.

Conclusioni

La frutta sazia, idrata, nutre, apporta micronutrienti importantissimi, non fa ingrassare ed è pure piacevole da mangiare. Non facciamocela mai mancare, soprattutto d’estate. Per completare l’apporto quotidiano di vitamine e minerali, possiamo ricorrere anche agli integratori.

Fine terza parte
A cura di Fabioalex – Personal Trainer Vitamaker – Certificato ISSA
Precedente Allenamento in vacanza - 2^ parte - Pettorali Successivo Glucosamina e Condroitina efficaci contro l'artrosi